Caro Lucio, com’è profonda la vita

Immaginate che i protagonisti delle canzoni di Lucio Dalla scrivano una lettera proprio a Dalla, per raccontargli come è poi andata a finire la loro vita. 

Quella vita che il cantante aveva evocato, raccontato, suggerito. I suoi personaggi escono dalle canzoni e prendono vita. Abitano una storia e la Storia con la esse maiuscola. Sono storie minori di una Bologna talvolta nascosta nelle case di periferia, segnata dal tempo e dai cambiamenti dei tempi.

A Bologna hanno realizzato un film su Lucio Dalla, parole e musica di Lucio Dalla. Personaggi, maggiori e minori, pure. Il film è diretto da Riccardo Marchesini ed è tratto dall’omonimo spettacolo teatrale scritto da Cristiano Governa.

Lo hanno presentato in anteprima ieri sera a Bologna all’Unipol Auditorium (Unipol Banca è uno degli sponsor). La sala era piena e gli applausi alla fine sono stati abbondanti e generosi. Lo distribuisce la società I wonder pictures, il volto distributivo di Andrea Romeo e del Biografilm Film Festival.

Come avete capito, è un film ad episodi, ciascuno dei quali è animato dal sentimento, dalla com-passione, cioè dal condividere sentimenti. Sono storie per metà raccontate da voci fuori campo (di autorevoli autori e scrittori) e per metà mostrate. Penso che a Dalla sarebbe piaciuto perché non racconta Dalla, racconta Bologna e le persone che la vivono.
ps unico assente nel film, forse perché le canzoni non davano pretesti, è lo sport. Appena accennato il basket, appena evocato un Dalla con un pallone da calcio sotto il braccio. Non mi pare si senta il rombo dell’automobile di Roberto Roversi.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.