Aveva ragione il Fotocrate, la foto di Marx sbarbato è un falso. (Forse)

La foto di Marx con la barba corta e i capelli tagliati è un falso o un abile montaggio. Ora, non so quando sia stata fatta, se è recente e hanno usato Photoshop oppure se è cosa vecchia e hanno maneggiato solo le care vecchie forbici. Continua a leggere Aveva ragione il Fotocrate, la foto di Marx sbarbato è un falso. (Forse)

Triste, solitario y final: Marx ad Algeri

La moglie Jenny era morta alla fine del 1881 di tumore, lui aveva una pleurite e una forte bronchite. I polmoni erano pieni di liquido che gli rendeva faticosa la respirazione. E così Karl Marx, su consiglio dell’amico (e finanziatore) Engels, lasciò per la prima volta la vecchia Europa per andare ad asciugarsi al caldo sole di Algeri. Continua a leggere Triste, solitario y final: Marx ad Algeri

Dopo il Concertone del Primo Maggio si leva una voce sola: ridateci Sanremo

Dopo l’edizione di ieri del Concertone del Primo Maggio si leva una voce sola (ma non dalla piazza, immagino):aridatece il Festival di Sanremo. Continua a leggere Dopo il Concertone del Primo Maggio si leva una voce sola: ridateci Sanremo

“Guai alle statue antiche se questa creta diventasse marmo”. Parola di Michelangelo

Racconta Giorgio Vasari che il sommo Michelangelo avrebbe esclamato, vedendo le opere di Antonio Begarelli: “Guai alle statue antiche se questa creta diventasse marmo…” . Continua a leggere “Guai alle statue antiche se questa creta diventasse marmo”. Parola di Michelangelo

I rifiuti di persone rifiutate

A guardare le foto mi sento catapultato immediatamente ad Auschwitz, è come un riflesso condizionato. Ma quelle immagini a colori, che a me non paiono particolarmente ben fatte, sono molto efficaci. Forse, anche troppo. Eppure, vengono dagli Stati Uniti, non dalla Polonia o dalla Germania. Continua a leggere I rifiuti di persone rifiutate

Quando allo stadio Braglia giocarono gli U2 (e vinsero due a zero)

Fecero solo due tappe in Italia: Roma e una piccola città vicino a Bologna, Modena. Era la fine di maggio del 1987 e il gruppo irlandese suonò per due serate allo stadio Braglia, pieno, diciamo così, al limite del possibile. Più di quarantamila persone a sera. Continua a leggere Quando allo stadio Braglia giocarono gli U2 (e vinsero due a zero)

Il 26 febbraio 1917 nasceva il jazz (a New York ed era bianco)

Si chiamavano Original Dixieland Jass band e venivano da New Orleans. Erano stati messi sotto contratto a dicembre da un manager che li aveva sentiti suonare a Chicago. Nel gennaio del 1917 lui li portò a New York, dove fecero subito furore.

Continua a leggere Il 26 febbraio 1917 nasceva il jazz (a New York ed era bianco)