Il crollo dei quotidiani è il sintomo del crollo della democrazia

Ogni mese guardo i dati delle vendite dei quotidiani italiani e ogni mese leggo il segno meno davanti alle cifre. Vendono meno di un terzo rispetto a pochi anni fa. E ogni mese leggo anche i dati della raccolta pubblicitaria e ogni mese guardo il segno meno davanti alle cifre. Quest’anno hanno perso un altro 9,1%. Continua a leggere Il crollo dei quotidiani è il sintomo del crollo della democrazia

Lo schermo non ha ucciso le radio (ma i quotidiani forse sì)

Sono stati pubblicati i dati sugli investimenti pubblicitari del mese di gennaio (2017, s’intende).  Nulla di veramente nuovo, se non che continua l’agonia dei quotidiani, i quali sono alla canna del gas e di gas ne esce sempre meno. Continua a leggere Lo schermo non ha ucciso le radio (ma i quotidiani forse sì)

Grillo è un burattino inconsapevole, e la Casaleggio associati è Mangiafuoco?

«Beppe Grillo non è responsabile, quindi non è autore, né gestore, né moderatore, né direttore, né provider, né titolare del dominio, del blog né degli account Twitter e Facebook, non ha alcun potere di direzione né di controllo su tutto ciò che viene postato». Il problema è che il blog al quale si riferiscono è proprio quello che porta il nome di Grillo. Continua a leggere Grillo è un burattino inconsapevole, e la Casaleggio associati è Mangiafuoco?

Cancellare libertà e vite umane con un colpo di click

Sto pensando che il verbo “to ban” è usato negli USA di Trump per indicare la decisione del Presidente di cacciare dalle conferenze stampa i media non graditi e quella di cacciare i cittadini illegali. Continua a leggere Cancellare libertà e vite umane con un colpo di click