“Prima che il gallo canti, mi rinnegherai tre volte”. Firmato: Hollande

“Chi, Hollande? Mai visto né conosciuto”. Ora, che fosse in disgrazia da tempo, diciamo pure in caduta libera, era chiaro da come erano andate le primarie dei socialisti francesi. Ma che tutti fischiettino indifferenti come se Hollande fosse trasparente è sufficientemente ridicolo.

Se poi i rinnegatori sono stranieri, magari leader politici, e soprattutto parenti (certo: serpenti) stretti del Presidente francese è decisamente patetico. La famiglia è la stessa: il padre si chiama Partito, la madre Socialista.

Serve una certa grandezza umana sia nel festeggiare le vittorie che nel riconoscere le sconfitte. Una grandezza che manca a gran parte della classe dirigente attuale. Soprattutto, credo, perché nessuno ha studiato l’arte di capire le ragioni della sconfitta.

ps. mi hanno detto che questo ragionamento è patetico, cioè basato sul pathos, sul sentimento, e non sulla testa, sulla ragione. Riconosco il mio difetto ma rilancio e mi domando: in questi anni ha prevalso la Dea Ragione oppure la santa Panza?

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.