E Pietro rinnegò tre volte Matteo (ah, no, scusate, era Gesù e Pietro si chiamava…)

“Pietro intanto se ne stava seduto fuori, nel cortile. Una giovane serva gli si avvicinò e disse: «Anche tu eri con Gesù, il Galileo!». Ma egli negò davanti a tutti dicendo: «Non capisco che cosa dici».

Mentre usciva verso l’atrio, lo vide un’altra serva e disse ai presenti: «Costui era con Gesù, il Nazareno». Ma egli negò di nuovo, giurando: «Non conosco quell’uomo!».

Dopo un poco, i presenti si avvicinarono e dissero a Pietro: «È vero, anche tu sei uno di loro: infatti il tuo accento ti tradisce!». Allora egli cominciò a imprecare e a giurare: «Non conosco quell’uomo!».

E subito un gallo cantò. E Pietro si ricordò della parola di Gesù, che aveva detto: «Prima che il gallo canti, tu mi rinnegherai tre volte». E, uscito fuori, pianse amaramente”.

Questo è il vangelo di Matteo. Quello vero. Ma forse, tempo tre giorni, vedremo o la resurrezione o il tradimento. Dei suoi apostoli. E ora non mi state a fare nomi e cognomi, per favore.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.